Le lesioni da vaccino sono reali. Finora, a livello globale, i danneggiati da vaccino hanno avuto scarso sostegno; i malati sono stati illuminati a giorno, banditi dall’ombra, liquidati come malati di salute mentale o, peggio, ignorati da quando è iniziata l’introduzione dei vaccini e hanno denunciato le loro lesioni.

Nel Regno Unito, solo un deputato ha sposato la loro causa: Sir Christopher Chope ha proposto un Vaccine Damages Bill che chiede una revisione indipendente delle lesioni causate dalle vaccinazioni Covid-19 e dell’adeguatezza dei risarcimenti. Come sottolinea il nuovo film, A Letter to My MP, solo sei parlamentari hanno partecipato al primo dibattito sui danni da vaccino alla Camera dei Comuni a marzo.

I membri della UK CV Family hanno scritto ai loro parlamentari chiedendo loro di prestare attenzione alle loro sofferenze; numerosi sintomi diversi e che spesso cambiano la vita, ma poco riconosciuti. Il potere dei numeri è più grande di quello delle persone al potere.

Subscribe to World Council for Health’s newsletter to get up-to-date information about this

Agite ora per inviare un’e-mail al vostro deputato – o all’equivalente del vostro Paese – per inviare loro il link a questo filmato e condividerlo ampiamente.

È urgente discutere delle lesioni da vaccino. Quanto più si discute di questo argomento, tanto più sarà difficile per i politici e i medici ignorarlo, e tanto più rapidamente uomini, donne, ragazzi e ragazze danneggiati da vaccino potranno ricevere il sostegno di cui hanno bisogno.

Il documentario è stato pubblicato il19 maggio 2022, creato da James Wells e e-BMC Squared. Guardate il documentario e se ritenete che voi o qualcuno che conoscete sia danneggiato da un vaccino contattate la UKCVFamily.

We are a people-powered platform for world health representing 170+ coalition partners in more than 46 countries.

Creative Commons License
Free Cultural Work

This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License and is available for republishing and use as a Free Cultural Work.