Share this
ryan penn take action canada

Take Action Canada è un gruppo di base focalizzato sul sostegno ai canadesi per essere informati e agire contro le violazioni legali, economiche e corporali che hanno subito dal marzo 2020. Abbiamo parlato con il fondatore Ryan Penn degli inizi del gruppo, della situazione in Canada e della sua visione del futuro.

Come è nata Take Action Canada?

Dopo l’inizio di queste baggianate del coronavirus, ho iniziato a scrivere e-mail ai miei amici su di esso – ora sono arrivato all’episodio 125. Dopo circa un anno, alcuni di noi si sono riuniti e hanno detto: “Continuiamo a parlare, e se facessimo qualcosa?”. Così abbiamo formato un gruppo d’azione locale e sempre più persone si sono unite. Abbiamo iniziato con la premessa che avremmo cercato di aiutare le persone che già sanno cosa sta succedendo e dare loro gli strumenti per agire. C’è il sapere e c’è il fare, e poi c’è il fare le cose giuste invece di quelle sbagliate.

Che tipo di cose hai fatto?

Abbiamo creato un sito web, stampato volantini e iniziato ad andare alle proteste. Avevo una stampante di adesivi in funzione nel mio seminterrato 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e distribuivamo adesivi con vari messaggi, proprio come la campagna White Rose in Inghilterra.

Poi ci siamo organizzati un po’ meglio. Abbiamo una struttura senza leader, quindi chiunque può farsi avanti con una nuova iniziativa. Ogni iniziativa passa attraverso un processo di ideazione in cui si definiscono i risultati e i passi necessari per raggiungerli. Si guarda a quali garanzie si ha bisogno, quali volontari e quali risorse. Poi si rivede e si crea il piano di esecuzione e ci si riunisce. Non c’è un comando e controllo dall’alto verso il basso dove una persona dice che questo è quello che faremo. Siamo un gruppo di volontari, quindi è importante ottenere il consenso di tutti.

Qual è stata la risposta della gente per strada?

Quello che vediamo ogni giorno è che sempre più persone si svegliano. Le persone che sono state costrette a fare il vaccino due volte e che ancora si ammalano stanno iniziando a mettere in discussione e a dire che non ne faranno una terza. Quindi stiamo assistendo a un risveglio di massa, e sta accadendo una persona alla volta. Quando sono andato alle prime proteste in centro, c’erano circa 500 persone. Proprio di recente c’è stato un raduno di camionisti a Toronto e c’erano 40.000-50.000 persone. Per ogni persona che era lì, ci sono probabilmente altre dieci persone che volevano essere lì.

Il movimento per la libertà in Canada ha ispirato tanti in tutto il mondo. Ha qualcosa che vorrebbe condividere su ciò che sta accadendo lì?

Vorrei radunare le persone di tutto il mondo per ammonire le misure draconiane prese dal governo Trudeau per affrontare i camionisti e altri manifestanti che chiedono la fine dei mandati Covid. Cioè, annullare la legge d’emergenza, lasciare in pace i camionisti, portare alla fine dei mandati, così come le dimissioni di Trudeau e/o rimuovere i liberali dal potere. Voglio anche radunare i movimenti per la libertà nei paesi di tutto il mondo per porre fine alla pandemia e promuovere manifestazioni presso le ambasciate e i consolati canadesi nel mondo. Questo è un SOS dal Canada. Abbiamo scatenato una rivoluzione pacifica in tutto il mondo. Ora tocca a te aiutarci!

Come vede il futuro?

Vedo un risveglio di massa della coscienza umana in tutto il mondo. Credo che le crisi non fanno diventare le persone quello che sono, ma rivelano chi sono le persone. Così capirai chi sono i tuoi veri amici e chi sono i tuoi nuovi amici. Ci sono persone che si sono collegate con altre persone in questa crisi che saranno amici per tutta la vita e persone che avranno avuto amici “per tutta la vita” che non sono veramente loro amici. Questo è il dono: di risvegliarsi e di rivelare chi sono i nostri veri amici e la nostra famiglia.

Cosa ti mantiene motivato?

I miei figli. Combatto per i miei figli e per i figli di tutti.

Clicca qui per sostenere gli sforzi di Take Action Canada.

Vi invitiamo a sostenere il Consiglio Mondiale della Salute che coltiviamo e a connettervi con i partner della coalizione come Take Action Canada.

Articoli simili