Il Consiglio Mondiale della Sanità chiede di porre fine all’uso dei vaccini e dei richiami Covid-19 nei bambini, anche a causa dell’aumento del rischio di miocardite.

In tutte le questioni di cura, i benefici devono essere soppesati rispetto ai rischi. Poiché non esiste un’emergenza Covid-19 per i bambini e la maggior parte di essi non corre il rischio di sviluppare sintomi gravi di Covid-19 dopo aver contratto la SARS-CoV-2, il WCH invita a non esporli al rischio di effetti avversi molto reali derivanti dalle iniezioni sperimentali.

  • Uno studio pubblicato il 6 dicembre 2021 sulla rivista Circulation dell’American Heart Association, ha esaminato 139 bambini <21 anni che hanno avuto 140 episodi sospetti di miocardite. Lo studio ha rilevato che la sospetta miocardite si è verificata nel 97,8% dei bambini dopo un’iniezione di mRNA, il 94,2% degli episodi sospetti ha seguito l’iniezione Pfizer-BioNTech e il 91,4% degli episodi si è verificato dopo la seconda iniezione.
  • Uno studio dell’Università di Oxford ha valutato l’associazione tra il vaccino Covid-19 e la miocardite in più di 42 milioni di persone dai 13 anni in su. È stato riscontrato un aumento del rischio di miocardite 1-28 giorni dopo la terza dose di iniezione Pfizer-BioNTech. L’aumento del rischio è stato visto soprattutto nei maschi più giovani di 40 anni.
  • Uno studio pubblicato su Nature Medicine il 14 dicembre 2021 ha rilevato un rischio maggiore di miocardite in seguito all’iniezione di Covid-19 di Moderna rispetto al contagio del virus stesso nei soggetti di età inferiore ai 40 anni.
  • Uno studio del Kaiser Permanente Northwest ha trovato un rischio di ~1/1860 e ~1/2650 di miopericardite nei maschi di età 18-24 e 12-17 rispettivamente dopo la loro seconda dose di iniezione di mRNA Covid-19.

La miocardite è un’infiammazione del muscolo cardiaco ed è una condizione grave. La miopericardite è una complicanza della pericardite acuta in cui l’infiammazione del pericardio si estende al miocardio. Il Consiglio Mondiale della Sanità non è d’accordo con la nuova e ormai frequente affermazione che la miocardite è una condizione lieve. Poiché il cuore è vitale per la vita e il muscolo non si rigenera, il danno può potenzialmente portare a esiti letali, compresa la morte precoce.

Mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente dichiarato che non esistono prove che i bambini abbiano bisogno di iniezioni di Covid-19, il WCH sostiene che non ci sono prove che i bambini abbiano bisogno di iniezioni di Covid-19 e che le prove disponibili dimostrano che fanno più male che bene.

Subscribe to World Council for Health’s newsletter to get up-to-date information about this

Alcune ore dopo che il Comitato consultivo per i vaccini e i prodotti biologici correlati della Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha raccomandato all’unanimità un’iniezione di richiamo due mesi dopo l’iniezione di una singola dose da parte di Johnson & Johnson ai destinatari di età superiore ai 18 anni, il membro del comitato, il dottor Ofer Levy, ha dichiarato alla CNBC, “Come andiamo in gruppi di età sempre più giovani, sono sempre meno a rischio personale di Covid grave, e d’altra parte, un po ‘più a rischio di questa condizione infiammatoria del cuore con il vaccino mRNA. Quindi è un’analisi rischio-beneficio, ed è per questo che stai vedendo quella deliberazione”.

Il Dr. Paul Offit, membro del comitato consultivo sui vaccini dell’FDA e direttore del Vaccine Education Center del Children’s Hospital di Philadelphia, ha dichiarato in ottobre: “È sempre snervante, credo, quando ti viene chiesto di prendere una decisione per milioni di bambini sulla base di studi su poche migliaia di bambini”. Gli studi di sicurezza di Fase 3 hanno coinvolto meno di 3.000 bambini.

Il WCH sostiene l’uso di trattamenti sicuri, efficaci e accessibili per la Covid-19, nonché di vaccini sicuri ed efficaci, tra i quali non rientrano le iniezioni sperimentali a base di geni.

I bambini del mondo sono il futuro. La loro salute e il loro benessere devono essere preservati e considerati prioritari.

We are a people-powered platform for world health representing 170+ coalition partners in more than 46 countries.

Creative Commons License
Free Cultural Work

This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License and is available for republishing and use as a Free Cultural Work.