Il Consiglio Mondiale per la Salute (WCH) si oppone all’allarmismo diffuso in seguito alla scoperta della variante B.1.1.529 (Omicron) del SARS-CoV-2. In base alle prove disponibili, questa variante non è più preoccupante di altre.

Il WCH riconosce che tutti i virus mutano e che l’immunità naturale offre una protezione migliore contro le mutazioni virali rispetto alle inoculazioni di Covid-19.

Mettiamo in guardia dal ripristino delle chiusure e di altre misure non necessarie che non hanno dimostrato di rallentare la diffusione del virus. È stato dimostrato che queste misure causano un danno eccessivo.

Subscribe to World Council for Health’s newsletter to get up-to-date information about this

Il WCH esorta i leader mondiali ad ascoltare i responsabili della sanità in Africa, tra cui il virologo Barry Schoub, capo del comitato consultivo ministeriale sudafricano sui vaccini Covid-19, e Joe Phaahla, ministro della Sanità sudafricano.

Il Dr. Schoub ha dichiarato che è “improbabile che possa causare malattie più gravi”. Phaahla ha definito il divieto di viaggio per coloro che provengono da otto Paesi africani una “reazione impulsiva” che “non ha senso”.

All’inizio di questo mese, il continente africano veniva celebrato per essere “una delle regioni meno colpite al mondo”, secondo l’ Organizzazione Mondiale della Sanità, nonostante meno del 6% della popolazione fosse vaccinata.

Va inoltre notato che i primi quattro casi di Omicron di cui si è parlato nei media si sono verificati in persone vaccinate in Botswana, dove solo il 20% della popolazione è completamente vaccinato.

Il WCH è al fianco delle nazioni africane e riconosce la loro capacità di determinare ciò che è meglio per il loro popolo. Il WCH non crede che queste nazioni abbiano bisogno di essere “salvate” dalle nazioni occidentali desiderose di vaccinare e si oppone fermamente a qualsiasi divieto di viaggio.

Mentre i produttori di vaccini si affannano a creare un nuovo vaccino per questa variante, il World Council for Health ricorda all’OMS, alla FDA, alla MHRA e ad altre agenzie di regolamentazione che lo sviluppo di vaccini sicuri richiede circa 10 anni. Ulteriori nuovi prodotti vaccinali sviluppati in fretta e furia da Pfizer, Moderna, Johnson & Johnson, AstraZeneca o qualsiasi altro produttore di farmaci non saranno accettabili per la popolazione africana o per quella mondiale.

Per saperne di più, visitate la nostra risorsa Omicron.

We are a people-powered platform for world health representing 170+ coalition partners in more than 46 countries.

Creative Commons License
Free Cultural Work

This work is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License and is available for republishing and use as a Free Cultural Work.