Share this

Il World Council for Health è sempre più preoccupato per il benessere della fondatrice di Healing the Divide, Iris Koh. Iris doveva presentare un aggiornamento sul suo paese natale, Singapore, durante il secondo giorno del South Asia Malaysia Health Summit (SAM22) sabato 22 gennaio, ma non ha potuto farlo a causa del suo arresto.

Rifiutata la cauzione, Iris doveva essere accusata pubblicamente venerdì 28 gennaio. Invece, abbiamo appreso che, secondo quanto riferito, era stata ricoverata in un ospedale psichiatrico e ora si trova al Singapore General Hospital. Le autorità non hanno rivelato il motivo per cui è stata internata, né dove si trova esattamente.

Sempre venerdì, le accuse contro Iris sono state aumentate. Secondo i rapporti dei media, quello che è iniziato come un’accusa di “cospirazione per imbrogliare” domenica 23 gennaio – che comporta un termine massimo di tre anni di prigione – è stato oggi aggiornato a “essere parte di una cospirazione criminale” – un crimine che è punibile fino a 20 anni di carcere, una multa, o entrambi.

Iris è accusata di aver falsificato i registri delle vaccinazioni, un’accusa che suo marito nega con veemenza. “È impensabile che la mia cara moglie, Iris, sia accusata di imbrogliare [Singapore’s Ministry of Health] con uno stato di vaccinazione falsificato”, ha detto il marito in un video pubblicato online. “Iris non è nemmeno un medico, non ha accesso a nessun sistema che le permetta di aggiornare lo stato di qualsiasi paziente”.

Iris è stata una coraggiosa sostenitrice per sanare il divario tra i cittadini vaccinati e quelli che hanno scelto di non prendere il vaccino a Singapore. Ha condotto una campagna instancabile per porre fine ai mandati discriminatori sui vaccini che hanno spogliato molti delle loro libertà e dei loro mezzi di sussistenza. L’intenzione di Iris è stata quella di unire il suo paese, anche se il governo sembra deciso a distruggerlo e a creare una società a due velocità. Questa intenzione di dividere sta avvenendo in molti luoghi del mondo, e persone come Iris stanno facendo la loro parte per riparare il danno.

Quando pacifici sostenitori dei diritti umani come Iris Koh vengono arrestati e ricoverati in ospedale, soprattutto all’insaputa dei loro cari, diventa più chiaro che i mandati e le restrizioni hanno poco a che fare con il mantenimento della sicurezza delle persone. La storia ci ha dimostrato più volte che la tirannia e la persecuzione non sono mai la risposta.

Secondo il sito web di Healing the Divide, l’organizzazione sta per “unità, verità ed empatia”. Il Consiglio Mondiale per la Salute sta con Iris Koh.

Articoli simili